top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAndrea Costa

La Regione Emilia-Romagna prima in Italia a chiedere moratoria sui brevetti


Servono più dosi di vaccino, ad un prezzo più basso e distribuite in maniera equilibrata ovunque altrimenti il virus non lo fermeremo: per questo la proprietà dei brevetti va ridiscussa”, è questo il senso della risoluzione del consigliere reggiano Andrea Costa (Pd) approvata ieri dalla Regione Emilia-Romagna, prima in Italia a prendere posizione sul tema. La posizione è netta: “Si è arrivati in tempi rapidi a individuare diversi vaccini efficaci grazie alla condivisione dei dati sulla ricerca a livello mondiale, ci sono stati 100miliardi di dollari di contributi pubblici alle aziende farmaceutiche che hanno fatto ricerca: è assurdo, quindi, che il vaccino non venga considerato un bene comune da mettere a disposizione di tutti – spiega Costa -. Le aziende che detengono i brevetti non riescono a soddisfare la domanda, l’unica soluzione è consentire ad altre aziende di iniziare la produzione trasferendo loro le conoscenze necessarie”.

Costa ha aderito ad una campagna internazionale al pari di personalità come Romano Prodi, Mario Monti e Gino Strada per arrivare alla sospensione dei brevetti sui vaccini: “E’ una cosa già accaduta in passato: siamo in situazione d’emergenza, ci servono molte più dosi e devono essere distribuite ovunque perché solo se le campagne vaccinali vengono eseguite in tutto il mondo fermeremo il virus e le sue varianti che, come stiamo vedendo anche in queste settimane, rischiano di vanificare gli sforzi fatti anche in Italia”.

Ma per arrivare alla moratoria – proposta da India a Sudafrica – è necessario che nei consessi internazionali come il WTO almeno tre quarti dei Paesi aderenti siano a favore: “Ecco perché esiste una sorta di ‘piano B’: attivare l’istituto della ‘licenza obbligatoria’ – continua Costa -. Significa che uno Stato, in situazione d’emergenza, può obbligare il titolare di un brevetto a trasferire le sue conoscenze ad un soggetto terzo in cambio del pagamento di una sorta di ‘diritto d’autore’: in questo caso l’azienda farmaceutica proprietaria del vaccino guadagnerebbe di meno rispetto a quanto farebbe vendendo direttamente le dosi, ma vedrebbe comunque riconosciuta la proprietà intellettuale, e al contempo si potrebbe aumentare immediatamente la produzione di dosi. La licenza obbligatoria è già stata utilizzata per gli antiretrovirali per la cura contro l’Aids”.

Se si superasse l’ostacolo della esclusività dei brevetti, tra l’altro, il territorio emiliano-romagnolo potrebbe giocare un ruolo da protagonista nella produzione di dosi: “Il comparto biomedicale nella nostra regione è molto importante, già ora le nostre aziende sono coinvolte in alcune fasi del processo produttivo come ad esempio l’infialamento.

Avere più vaccini e averli ovunque, anche nei Paesi poveri, è l’unica strada possibile e eticamente giusta: se non si fermano le varianti ci saranno ancora molti decessi e un tracollo economico che il Fondo monetario internazionale calcola in 9,2 trilioni di dollari”.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Creare reti regionali di ricerca

La legge delega di riforma degli IRCCS ha tre punti critici che andranno superati: non aumenta le risorse a disposizione della ricerca; non guida l’organizzazione delle reti tra istituti di ricerca; n

Comments


bottom of page